roberto arioli una collezione all'albero d'oro di levanto
autori  
getulio alviani
franco angeli
arman (fernandez armand)
enrico baj
aldo ballo
joseph beuys
max bill
alighiero boetti
agostino bonalumi
antonio calderara
enrico castellani
ugo celada da virgilio
mario ceroli
christo
gianni colombo
lucio del pezzo
sonia delaunay
fortunato depero
nicolai diulgheroff
césar domela
piero dorazio
lucio fontana
piero gilardi
camille graeser
robert indiana
emilio isgrò
allen jones
ugo la pietra
roy lichtenstein
verena loewensberg
richard paul lohse
urs luthi
pavel mansurov
giuseppe maraniello
enzo mari
fausto melotti
francois morellet
ugo mulas
bruno munari
ugo nespolo
mario nigro
peter phillips
gianni piacentino
michelangelo pistoletto
fabrizio plessi
concetto pozzati
ugo pozzo
mario radice
mel ramos
edival ramosa
man ray
jean-baptiste roosevelt
mimmo rotella
emilio scanavino
mario schifano
jesus raphael soto
superstudio
emilio tadini
wassilakis takis
joe tilson
victor vasarely
luigi veronesi
renato volpini
andy warhol
tom wesselmann
acquarelli gouaches chine
altro
bozzetti pubblicitari
cartoline firmate
dipinti
disegni

fotografia
grafiche
inviti a mostre
libri
manifesti e manifesti firmati
multipli
ornamenti e gioielli d'artista

piatti
progetti
quadri antichi
sculture
tecniche miste


piero dorazio


frequentati gli studi classici e inscrittosi alla facoltà d'architettura, volendo approfondire la lezione impartita dalle avanguardie si reca da severini e prampolini, e fa amicizia con lionello venturi; quindi si reca a parigi, dove dipinge una serie di quadri in cui si avvertono ascendenze futuriste e astratte. non soddisfatto, esegue esperienze ponendo linee, chiodi-punti in rilievo sulla tela, che anche incide, oppure ricoprendo la superficie bianca con identico colore. dopo la fase che si colloca tra il 1956 e il 1959, caratterizzata sia da ricerca di effetti luminosi, sia da impiego in senso pittorico del colore, l'artista ha terminato il periodo di sperimentazione: da ora in poi la tela avrà per lui un valore in quanto campo d'indagine sui molteplici rapporti colore-luce. neanche il soggiorno a più riprese negli u.s.a., dove è stato invitato a insegnare presso l'università di pennsylvania fin dal 1960, modifica la direzione del suo lavoro. intorno al 1964 le fasce più o meno regolari, costituite da colori primari e secondari che emergono dal fondo monocromo, acquistano dinamismo per la serie di diagonali che vi vengono sovrapposte; più tardi le bande ondulate o diagonali vengono divise in parti di diversa area e colorazione. all'inizio degli anni '70 l'artista opera mediante ritagli colorati che applica sulla tela e, più recentemente, ritornando a un processo di scomposizione, riduce in frammenti le bande, esaltando gli effetti lirici. firmatario di forma I e forma 2, a partire dal 1952 ha esposto più volte alla biennale di venezia e nel 1963 alla VII biennale di s. paolo.
muore nel 2004.


per questo autore
sono disponibili:


grafiche
grafiche
clicca per ingrandire l'immagine
piero dorazio
ottimismo-pessimismo-1984
serigrafia a 11 colori su carta pescia-formato cm.105,5x100-tiratura 99 copie numerate e firmate a mano dall'autore.
edizione becherini firenze
clicca per ingrandire l'immagine
piero dorazio
hora-1976
serigrafia a 18 colori su carta a mano fabriano-
formato cm. 69x87
tiratura 500 copie numerate e firmate a mano dall'autore-edizione plura-milano.
indietro / back
stampa questa pagina
avanti / forward
aggiungi ai preferiti / add to favourites