roberto arioli una collezione all'albero d'oro di levanto
autori  
getulio alviani
franco angeli
arman (fernandez armand)
enrico baj
aldo ballo
joseph beuys
max bill
alighiero boetti
agostino bonalumi
antonio calderara
enrico castellani
ugo celada da virgilio
mario ceroli
christo
gianni colombo
lucio del pezzo
sonia delaunay
fortunato depero
nicolai diulgheroff
cÚsar domela
piero dorazio
lucio fontana
piero gilardi
camille graeser
robert indiana
emilio isgr˛
allen jones
ugo la pietra
roy lichtenstein
verena loewensberg
richard paul lohse
urs luthi
pavel mansurov
giuseppe maraniello
enzo mari
fausto melotti
francois morellet
ugo mulas
bruno munari
ugo nespolo
mario nigro
peter phillips
gianni piacentino
michelangelo pistoletto
fabrizio plessi
concetto pozzati
ugo pozzo
mario radice
mel ramos
edival ramosa
man ray
jean-baptiste roosevelt
mimmo rotella
emilio scanavino
mario schifano
jesus raphael soto
superstudio
emilio tadini
wassilakis takis
joe tilson
victor vasarely
luigi veronesi
renato volpini
andy warhol
tom wesselmann
acquarelli gouaches chine
altro
bozzetti pubblicitari
cartoline firmate
dipinti
disegni

fotografia
grafiche
inviti a mostre
libri
manifesti e manifesti firmati
multipli
ornamenti e gioielli d'artista

piatti
progetti
quadri antichi
sculture
tecniche miste



antonio calderara


antonio calderara nasce ad abbiategrasso nel 1903. nel 1924 interrompe gli studi di ingegneria per dedicarsi esclusivamente alla pittura. raccogliendo l'ereditÓ del divisionismo lombardo, pratica fino alla fine degli anni cinquanta il genere del paesaggio, decantando via via i toni della sua pittura fino a dissolvere nella luce gli oggetti rappresentati. nel 1959 avviene il passaggio all'astrazione, come conseguenza di una tendenza progressiva alla semplificazione delle forme e alla purificazione dei colori.
riallacciandosi all'esempio del costruttivismo svizzero-tedesco e affiancando alla tecnica dell'acquarello quella della serigrafia, calderara sviluppa negli anni sessanta e settanta un linguaggio geometrico animato da sottili vibrazioni luminose. muore a vacciago nel 1978.


indietro / back
stampa questa pagina
avanti / forward
aggiungi ai preferiti / add to favourites